IMMIGRAZIONE – RICONOSCIMENTO PROTEZIONE SPECIALE – INSERIMENTO SOCIALE IN ITALIA

11 aprile 2023

E’ durata ben 4 anni, ma alla fine l’abbiamo spuntata definitivamente.

Una battaglia giudiziaria a difesa delle ragioni di K., cittadino della Guinea Bissau che rischiava l’espulsione, dopo 15 anni vissuti nel nostro Paese nell’assoluto rispetto delle leggi e lavorando, sempre, regolarmente.

Il lungo lasso di tempo trascorso, il suo inserimento sociale, la sua giovane età, il conseguimento di una stabilità lavorativa e di un reddito sufficiente in Italia, avrebbero dovuto consigliare il rinnovo del permesso di soggiorno.

E invece no, è stato costretto a rimanere imbrigliato tra gli artigli di una legislazione da riformare.

All’uopo, ritengo che la materia dell’immigrazione vada trattata con il necessario apporto di umanità, ma anche con serietà, pragmatismo, senza alcun pregiudizio e mettendo da parte qualsivoglia (aggiungo) inutile ideologia politica.

Ad esempio, sono convinto che non possa essere negato il permesso di permanere sul territorio italiano a chi nel nostro Paese già lavora con stabilità, vive nella legalità ed ha avviato un serio percorso di inserimento sociale.

Ed è proprio questo il caso di specie.

Un ragazzo che da 15 anni vive in Italia, lavora con costanza e per fare ciò è lontano dai propri affetti da pari data, non può essere rispedito all’inferno.

Per fortuna, in Italia esiste la possibilità di ricorrere alla Giustizia che, seppur in mostruoso ritardo, riesce ad intervenire e colpire le INgiustizie.

Il Tribunale di Reggio Calabria, che cito proprio per dare merito ai Magistrati che si sono occupati della vicenda, con una sentenza che mi auguro possa fungere da precedente in situazioni analoghe, ha attribuito rilievo, ai fini della valutazione della sussistenza del diritto del Ricorrente alla protezione speciale, alla lunga permanenza in Italia e al livello di integrazione lavorativa raggiunto.

Ciò valutando positivamente la copiosa documentazione prodotta, dalla quale è emerso l’impegno profuso in questi 15 anni al fine di integrarsi nel territorio italiano che lo ha accolto.

Il costante impegno lavorativo protratto nel tempo, quindi, è risultato dirimente.

L’eventuale rimpatrio di K. avrebbe interrotto proprio quello che è stato definito dal Collegio come “…il lodevole processo di integrazione in atto” che la difesa ha pienamente dimostrato e documentato e lo avrebbe costretto a tornare, a quel punto, in un Paese da cui è ormai lontano da oltre 15 anni per lasciare, invece, l’Italia, Paese in cui ormai si è integrato dal punto di vista lavorativo, così, danneggiando gravemente la sua vita privata e lavorativa.

Si chiude, quindi, una vicenda giudiziaria che mi ha consentito di sostenere e, per fortuna, riuscire a far affermare importanti principi sul piano giuridico, ma dalla quale ho tratto grandi insegnamenti sul piano umano che mi gratificano più di ogni altra cosa.

Quelle lacrime, quei sorrisi, quella felicità di K. non hanno pari.

Buona fortuna amico mio.

Avv. Pasquale Saffioti

 

Archivio news

 

News dello studio

nov30

30/11/2023

Art. 120 C.d.S - Revoca Patente Guida – Tribunale di Cosenza - Non necessaria la Riabilitazione per il conseguimento del nulla osta

Art. 120 C.d.S - Revoca Patente Guida – Tribunale di Cosenza - Non necessaria la Riabilitazione per il conseguimento del nulla osta

Massima: “…Dal dato normativo sopra evidenziato, si ricava che il rinnovo della patente è possibile e previsto dalla disciplina, che la valutazione negativa del requisito morale

ago30

30/08/2023

CONSIGLIO DI STATO: LA REGGINA CALCIO ESCLUSA DEFINITIVAMENTE DALLA SERIE B

CONSIGLIO DI STATO: LA REGGINA CALCIO ESCLUSA DEFINITIVAMENTE DALLA SERIE B

Pubblicato il 30/08/2023 N. 08084/2023REG.PROV.COLL. N. 06982/2023 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha

giu5

05/06/2023

DISCARICA MELICUCCA’ - IL TAR ANNULLA L’ORDINANZA DELLA CITTA’ METROPOLITANA DI REGGIO CALABRIA

DISCARICA MELICUCCA’ - IL TAR ANNULLA L’ORDINANZA DELLA CITTA’ METROPOLITANA DI REGGIO CALABRIA

Verrebbe da dire che avevamo ragione noi tutti, cittadini singoli e associati, parte della politica, avvocati, tecnici. Un’intera Comunità che era ed è preoccupata per la “salute”

News Giuridiche

mar4

04/03/2024

Giudizio abbreviato, calcolo della pena ai fini della continuazione

Le Sezioni Unite intervengono sul contrasto

mar4

04/03/2024

Modifica del cognome autorizzata e azione di usurpazione: decide il giudice amministrativo

Il giudizio sull’uso indebito del ''predicato

mar4

04/03/2024

Minaccia grave: quali sono i criteri per il prudente apprezzamento del giudice

Occorre valutare il tenore delle espressioni